SAG: Laboratorio della speranza

Giovani e terremoto

L’estate è sicuramente un periodo fondamentale per la formazione umana e spirituale dei ragazzi e dei giovani che prendono parte alla vita dei nostri gruppi, parrocchiali e non. Al di là delle già ricche proposte che molte delle nostre parrocchie e comunità offrono, vorremmo aggiungere un’occasione davvero bella di servizio che ci piacerebbe coordinare come Segretariato. Dopo aver avuto occasione di conoscere l’associazione Laboratorio della Speranza, nata dalla Diocesi di Ascoli Piceno, per sostenere diverse iniziative in favore delle popolazioni colpite dai recenti terremoti dell’Italia centrale, ci siamo chiesti come poter sostenere il loro interessante progetto di animazione estiva delle realtà montane: si tratta di collaborare alla realizzazione di settimane di Grest in favore dei bambini e dei ragazzi dei principali centri colpiti dal terremoto. Ci è sembrato subito un bel progetto che ha la caratteristica di permettere di vivere una vera esperienza di servizio ma anche quella di consentire ai nostri ragazzi e giovani di approfondire la conoscenza di una realtà dura e difficile su cui c’è il rischio che passi troppo velocemente l’attenzione mediatica.

Si tratta di coprire il periodo estivo dal 19 giugno al 1 settembre attraverso l’attivazione di turni settimanali: a noi è chiesto di ipotizzare un calendario delle nostre possibili disponibilità da sottoporre all’attenzione dell’associazione che provvederà in seguito a farci sapere il tipo di dislocazione assegnato. Saranno coinvolti ragazzi dai 16 anni in su in gruppi di massimo 20 persone per turno. Ci siamo posti l’obiettivo di riuscire a coprire 6 turni settimanali dal 17 luglio al 27 agosto, considerato che nella maggior parte dei casi, con la metà di luglio, termina l’esperienza dei centri estivi nelle nostre parrocchie.

L’animazione delle settimane viene coordinata dall’associazione che ci ospita, ma a tutti sarà chiesto di mettere a disposizione anche il proprio contributo creativo. Si dormirà per terra in strutture messe a disposizione dalla diocesi di Ascoli e a ogni partecipante verrà richiesta una quota giornaliera di 13 € comprensiva dei pasti che verranno realizzati da alcuni abitanti dei luoghi colpiti dal sisma, anche questo un modo per offrire un contributo economico. Le spese per gli spostamenti dalle varie località di provenienza saranno a carico dei diversi gruppi. Potranno iscriversi anche singole persone che dovranno rivolgersi al Sag per essere poi indirizzate ai gruppi di riferimento in cui essere inserite. Ogni gruppo dovrà essere accompagnato da almeno un adulto responsabile.

Come Segretariato stiamo cercando di garantire anche una presenza continuativa di sacerdoti dehoniani in loco per tutta la durata dell’esperienza, pertanto siamo a chiedere anche la disponibilità di confratelli che desiderino offrire una settimana del proprio tempo, indipendentemente dal fatto di accompagnare o no un gruppo. Si potrà fare riferimento a p. Antonio per le eventuali disponibilità. La diocesi di Ascoli sarebbe inoltre contenta di ospitare sacerdoti che volessero dare il proprio contributo a sostegno della vita spirituale delle comunità tanto provate dal terremoto, già a partire da questo tempo di quaresima. Anche in questo caso si potrà fare riferimento a p. Antonio o a uno dei componenti del Segretariato. Per riuscire bene nell’organizzazione del tutto si richiede di segnalare le proprie disponibilità entro e non oltre il 19 marzo.

Print Friendly