Proposte SAM per una Quaresima di solidarietà

Lettera di presentazione del p. Provinciale

Download (PDF, 433KB)

Nel recente Incontro Europeo S.C.J. dei Giovani Volontari per la Missione tenuto a Napoli dal 20 al 22 gennaio 2017, i giovani presenti hanno ribadito con forza la necessità di tenere viva la dimensione missionaria nella vita e nella fede cristiana in un mondo, soprattutto quello europeo, che si piega sempre di più su se stesso e non sa vedere e andare al di la del proprio ombelico.

La sensibilità missionaria, ci hanno ricordato i giovani, fa alzare il proprio sguardo per guardare al di là dell’orizzonte e poter continuare a sognare e sperare in un mondo più giusto e più solidale.

Questa sensibilità e attenzione, se proposta, attrae ancora i giovani, ma è necessario aiutarli a scoprirla e coltivarla in mezzo alle tante e assordanti proposte che ogni giorno il mondo offre loro.

Siamo noi, religiosi e comunità scj, che nel nostro carisma abbiamo ricevuto in dono questa sensibilità e attenzione missionaria, capaci ancora di trasmettere tale dono e di coinvolgere altri, giovani in particolare, in questa avventura?

Pare che facciamo un po’ fatica. Forse appesantiti dagli anni non abbiamo più il coraggio di osare e ci limitiamo a conservare e gestire ciò che siamo e abbiamo senza più la forza e il coraggio di andare “oltre”.

I giovani ci stimolano e incoraggiano, perché come scrive loro Papa Francesco: “Un mondo migliore si costruisce anche grazie a voi, alla vostra voglia di cambiamento e alla vostra generosità. Non abbiate paura di ascoltare lo Spirito che vi suggerisce scelte audaci, non indugiate quando la coscienza vi chiede di rischiare per seguire il Maestro. Pure la Chiesa desidera mettersi in ascolto della vostra voce, della vostra sensibilità, della vostra fede; perfino dei vostri dubbi e delle vostre critiche. Fate sentire il vostro grido, lasciatelo risuonare nelle comunità e fatelo giungere ai pastori”.

Cogliendo l’occasione offerta da papa Francesco con l’indicazione del tema dei giovani per il prossimo Sinodo dei Vescovi, come ha già fatto il SAG, invitiamo tutte le nostre comunità a mettere fra le loro priorità l’attenzione ai giovani, nella preghiera, innanzitutto, ma anche con iniziative e proposte che sappiano “raccontare” e “testimoniare” la nostra missionarietà dehoniana.

Per aiutare a far questo, come SAM, presentiamo alcune iniziative e proposte di carità e solidarietà per vivere la prossima Quaresima e Pasqua, che possono diventare utile strumento per avvicinare e coinvolgere i giovani.

L’iniziativa delle “Uova di Pasqua”, le proposte di “progetti di solidarietà” e il digiuno del primo venerdì del mese proposto dal SAG da trasformare in “carità e condivisione” le offriamo alle comunità e ai gruppi come possibili occasioni di “missionarietà”.

Padova, 11 febbraio 2017
La comunità SAM

Progetto Ecuador
Comedor p. Dehon (Mensa Sociale)
a Bellavista

Il 16 aprile 2016 in Ecuador un forte terremoto ha devastato gran parte della zona costiera del paese. Il terremoto è stato di magnitudo 7,8 ha colpito la zona costiera con epicentro a circa 170 chilometri dalla capitale Quito. Il bilancio è di quasi 700 morti, 8.000 feriti e 20.000 senzatetto. A più di 9 mesi dall’accaduto poco è stato fatto dalla Nazione.

I padri Dehoniani sono presenti in Ecuador con tre comunità, due a Quito, la capitale del paese e una a Bahia de Caraquez che si trova lungo la costa in zona colpita dal terremoto.

Il nostro progetto prevede di sostenere, in particolare, una mensa per ragazzi (Comedor Bellavista) che si trova nella parte alta della cittadina ed è un “barrio” (quartiere) totalmente distrutto dal terremoto, dove ora ci sono solo capanne e tende. Anche gli ambienti che fungevano da refettorio e da cucina sono stati distrutti e ora sono all’aperto, sotto una tettoia di fortuna.

Il sostegno che ci viene chiesto è quello di appoggiare l’iniziativa, contribuendo a coprire le spese per il cibo, il materiale scolastico, il vestiario e le necessità sanitarie.

Coordinano il progetto i padri dehoniani ed una suora che sono presenti tutti i giorni per accogliere i ragazzi. Beneficiano della iniziativa circa 40 ragazzi che ogni giorno vengono per un pasto e per il doposcuola.

Il nostro sostegno vorrebbe coprire i costi della mensa e contribuire ai fabbisogni scolastici e sanitari. Oltre al cibo, alle famiglie più povere, vengono dati dei “simil voucher” per comprare materiale scolastico e sanitario in negozi convenzionati.

 

Costo sostegno alimentare per bambino:  

*  per un mese

€ 50

*  per un anno

€ 600

Costo sostegno scolastico per bambino:  

*  per un mese

€ 30

*  per un anno

€ 350

Costo sostegno sanitario per bambino:  

*  per un mese

€ 20

*  per un anno

€ 250

Per riabilitazione refettorio:

€ 5.000

Per riabilitazione cucina:

€ 3.000

Alto Molocue (Mozambico)
Nuovi strumenti per una nuova educazione

La missione di Alto Molocue in Mozambico è attualmente composta da140 comunità su un territorio vasto (si percorrono fino a 90 km per visitare le comunità più lontane!). Molocue è la prima Missione dehoniana in Mozambico e i nostri padri assistono e visitano tutte le comunità, garantiscono la celebrazione dei sacramenti, organizzano incontri di preparazione per i vari ministeri delle comunità, coordinano il lavoro di tutta la Missione. La gente è sempre accogliente e festosamente celebra la sua fede, anche nella povertà di mezzi materiali.

Accanto al servizio della Missione a Molocue da qualche anno è operativo il Centro Giovanile: una struttura ormai ben avviata, che offre ai ragazzi e giovani della cittadina e dei dintorni varie opportunità di incontro, di studio e di servizi sociali. Dallo scorso anno abbiamo un progetto per la formazione socio-politica dei giovani, e per la formazione all’uso e accesso dei mass-media. Il centro offre un servizio di biblioteca ben frequentato dagli studenti delle scuole che vorremmo potenziare costruendo un nuovo edificio adibito, in vista anche dell’apertura di corsi universitari in collaborazione con l’Università Cattolica del Mozambico. Esiste anche un piccolo centro di informatica che offre corsi di formazione e iniziazione all’uso del computer e dei programmi base. Ci sono molte richieste in questo settore, ma  i computer sono un poco obsoleti, e avrebbero bisogno di essere rinnovati.

Nel Centro è funzionante anche una “escolinha”, cioè la Scuola Materna. Un’altra attività iniziata da qualche anno e che ha preso un suo ritmo e statura. Lo scorso anno avevamo 108 bambini, quest’anno abbiamo 120 iscritti. La scuola lavora con 4 giovani che si prendono cura dei bambini, con poca formazione ma tanta buona volontà. Per i giovani e il personale di appoggio (infatti abbiamo due signore per pulizia e cucina) abbiamo fatto un corso di formazione per dare qualche contenuto teorico-pratico per il lavoro con i bambini. Per adesso utilizziamo ancora sale del Centro, ma abbiamo nel cassetto un sogno che vorremmo realizzare al più presto: costruire una Scuola Materna con strutture appropriate.

Le idee e i progetti sono tanti… le risorse un po’ meno! Per questo chiediamo l’aiuto ad amici e benefattori perché qualche sogno si concretizzi e anche i ragazzi e giovani di Alto Molocue possano crescere preparati e, crescendo, far crescere il territorio in cui vivono.

 

Libro per la biblioteca:

€  20,00

Kit didattico per “escolinha”:

€   30,00

100 “blocos” cemento per la nuova struttura:

€   50,00

Materiale cucina (pentole, stoviglie, ecc.):

€ 500,00

Computer per aula di informatica:

€ 700,00

Stampante e cancelleria per aula informatica:

€ 300,00

Proposte di solidarietà e condivisione
per la Quaresima e la Pasqua

Anche quest’anno il SAM e il SAG in collaborazione con la nostra Associazione “Missioni Casa Sacro Cuore” Onlus propongono alcune iniziative di solidarietà e di condivisione per la prossima Quaresima e Pasqua.

Si tratta di attività da noi proposte, innanzitutto per farci conoscere e per coinvolgere persone, in particolare giovani, nelle nostre attività e presenze. Poi per raccogliere fondi a favore delle Iniziative Estive di Volontariato e Solidarietà che SAG e SAM propongono sia in Italia che all’estero, in particolare nelle nostre missioni.

UOVA DI PASQUA

Si tratta di vendere Uova di Pasqua, da noi fornite, in data e occasioni che a vostro giudizio ritenete più opportune e nei posti che pensate maggiormente indicati: fuori dalle Chiese dopo la messa domenicale, santuari, luoghi di lavoro o divertimento, scuole, asili, ecc. ecc.

Come per gli anni precedenti abbiamo scelto per la vendita, uova da gr. 350, di ottima fattura, al latte o fondenti. Il prezzo di vendita suggerito è di € 8,00 per ciascun uovo pasquale, prezzo che può variare, possibilmente in aumento, ma anche in diminuzione (non meno di €. 7,00), a seconda delle situazioni e delle condizioni di vendita.

Per dare visibilità al momento e al luogo della vendita abbiamo preparato delle locandine, che possono essere in formato A4 (21×29,7), A3 (29,7×42) in formato Poster (70×100).

Accanto a queste locandine che illustrano l’iniziativa possiamo fornire dei pannelli con foto illustrative delle varie esperienze missionarie e di volontariato vissute negli anni precedenti.

È disponibile anche un volantino formato A5 21×15 da distribuire comunque a tutti quelli che passano vicino al nostro punto vendita.

Se qualcuno aderisce alla proposta “uova di Pasqua”, ci servirebbe sapere per fine febbraio:

  • Quante uova di Pasqua pensate di riuscire a vendere: n° di uova al latte e n° di uova fondenti. Cerchiamo di stimare il più precisamente possibile il numero per non avanzarne troppe (comunque quelle avanzate oltre che a mangiarcele, possiamo anche ritirarle)
  • Quante locandine illustrative e il loro formato (n° per ogni formato), vi servono per la vendita delle uova e quanti volantini da distribuire.
  • Se vi servono i pannelli fotografici per “visibilizzare” la nostra presenza e le nostre attività.

Il ricavato della vendita ed eventuali altre offerte raccolte, è possibile consegnarlo direttamente a qualcuno del SAM o del SAG o versarlo direttamente tramite bonifico bancario a:

Missioni Casa Sacro Cuore
Via della Villa Parolari, 4 – 38123 TRENTO
IBAN Cassa Rurale di Trento: IT 15 N083 0401 8010 0000 0341 906
IBAN Banco Popolare: IT 12 L 05034 12106 000000000490
Causale: “UOVA DI PASQUA” o eventuale altra destinazione

DIGIUNO DI CARITÀ E CONDIVISIONE

Il SAG in preparazione al Sinodo dei Vescovi sui giovani ha proposto alle comunità un momento di preghiera mensile, il primo venerdì, accompagnato anche dal digiuno.

Noi proponiamo, in accordo con il SAG, di trasformare anche questo digiuno in carità e condivisione, quantificando il costo del pasto non consumato e donando il corrispettivo per le iniziative di carità e solidarietà proposte.

Print Friendly